Vetri auto, come fare la riparazione

vetri_auto_2Vetri auto: a quali danni possono andare incontro? Si può sempre procedere alla riparazione? Quando è indispensabile la sostituzione? I problemi coi vetri auto possono essere di 3 tipi: raschi, crepe e scheggiature. La possibilità di effettuare la riparazione, in luogo della sostituzione, non sono proporzionali all’entità del danno, come vedremo.

Vetri auto riparazione: quando è consigliata, quando non è raccomandabile e quando è obbligatoria? Innanzitutto incominciamo dalla terza domanda. Per i vetri laterali, dato che non hanno le stesse specifiche di fabbricazione, e la stessa resistenza del parabrezza, è obbligatorio per legge procedere alla sostituzione in caso di danni.

Per il parabrezza invece la sostituzione o la riparazione sono diversamente consigliate a seconda dei casi. Partiamo dai graffi: abbiamo il vetro sporco, con terra, pietrisco o sabbia. Avviamo il lavavetri ed il tergicristallo ma purtroppo il liquido lavavetri è finito e il tergicristallo, a “secco”, disegna delle belle righe rotonde con i granelli di sabbia presenti sul vetro. Nulla che metta in pericolo la sicurezza del parabrezza, ma ora avremo delle righe antiestetiche, e che creeranno riflessi di sole di giorno, e riflessi dell’illuminazione stradale di notte. Il tutto disturbandoci e distraendoci. Purtroppo la riparazione di questi graffi è laboriosa e richiede esperienza: non è detto che il carrozziere voglia prendersi il rischio di effettuarla, e non sarebbe ugualmente economica. Scordiamoci ovviamente di fare da soli: la scelta è tra tenerci il vetro graffiato e procedere alla sostituzione.

Il secondo tipo di danno sono le piccole crepe, dovute magari a sassolini “sparati” dalle ruote dei veicoli che ci precedono. Queste crepe sono pericolose perché possono portare alla rottura del vetro. E’ però possibile ripararlo: se la crepa è di piccole dimensioni, pochi centimetri, è possibile colmarla con resine che si induriscono e restituiscono al parabrezza la sua solidità. In casi più gravi, ovviamente si impone la sostituzione.

Il terzo tipo di danno è la scheggiatura, e su questa c’è poco da fare: il vetro non cederà appena la scheggiatura si crea, ma è solo questione di tempo, motivo per cui non c’è molta altra scelta che sostituire il parabrezza.